Agricoltura: come rendere i tuoi macchinari più produttivi
817
page-template-default,page,page-id-817,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-theme-ver-16.2.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Agricoltura

Se in condizioni normali i macchinari “soffrono”, in agricoltura ancora di più. Un buon impianto di lubrificazione automatica, in questo settore, è una vera e propria panacea per le tue macchine, e innumerevoli vantaggi per te!

 

I macchinari che si usano in agricoltura (trattori, rotopresse, mietitrebbiatrici, falciatrici ecc…) sono estremamente importanti e svolgono un lavoro duro quanto fondamentale.

 

Si tratta di macchine che lavorano a diretto contatto con il terreno, e che molto spesso si ritrovano a fare i conti con terra estremamente umida o estremamente secca, i cui residui possono essere grandi nemici per i componenti della macchina.

 

La polvere di roccia, l’acqua, la sabbia e altri agenti disturbanti infatti spesso penetrano nella macchina creando una miscela abrasiva che va a minare la salute di pistoni, perni e altri componenti di vitale importanza.

 

Questo contribuisce ad accorciare la vita lavorativa delle macchine usate in agricoltura, a intaccarne l’efficienza e, alla lunga, a creare guasti più o meno gravi.

 

Quando si parla di agricoltura, inoltre, si parla di lavoro stagionale; ciò significa periodi di intensissima attività in cui i fermi macchina, per un qualsiasi motivo, causerebbero perdite di tempo e di denaro decisamente notevoli.

 

Come si può evitare tutto questo?

I nostri impianti automatici garantiscono una lubrificazione adeguata, costante e perfettamente dosata.

 

Un buon ingrassaggio non solo riduce l’attrito nei singoli punti che lo richiedono ma contribuisce anche a formare una pellicola protettiva, che garantisce una buona resistenza agli agenti disturbanti con cui i macchinari agricoli sono spesso in contatto.

 

Lubrificazione in agricoltura, i vantaggi

 

Ecco i vantaggi che un impianto di lubrificazione automatica può portare per i macchinari usati in agricoltura:

  • Riduzione degli imprevisti come cedimenti di perni e bussole, quindi maggiore resistenza dei macchinari al ritmo di lavoro.
  • Minori interventi di manutenzione preventiva e aumento della longevità del macchinario, quindi della sua produttività.
  • Guadagno in termini di tempo: ogni minuto di fermo macchina risparmiato diventa un minuto utile per la lavorazione del terreno, la lubrificazione automatica inoltre viene svolta mentre la macchina è operativa portando una buona ottimizzazione di tempo.
  • Macchinari più sicuri e affidabili, nonché incremento di valore del macchinario agricolo in caso di vendita.
  • Risparmio in termini di energia, grazie alla riduzione degli attriti, e di prodotto lubrificante che viene dosato con precisione dal sistema automatico eliminando gli sprechi. Ciò conferisce inoltre un dosaggio controllato e uniforme, impossibile nel caso di intervento umano.
  • Sicurezza degli operatori che non devono raggiungere punti pericolosi per occuparsi della lubrificazione.

 

Scopri i nostri impianti di lubrificazione automatica per l’agricoltura!

Pal Italia trebbiatrice rappresentante il settore agricolo, agricol, agricolture, agricoltura

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


il primo cookie che viene scritto è __utma, ed è un cookie persistente con una scadenza di due anni esatti dal momento in cui viene scritto. Il contenuto è un hash numerico nella forma di 6 gruppi di numeri separati da punti; i primi 2 di lunghezza variabile, gli altri 3 di solito di 10 cifre e l’ultimo variabile. Il primo gruppo di cifre è un hash univoco del dominio in cui è stato eseguito lo script di GA, il secondo è un numero casuale, il terzo, il quarto e il quinto gruppo sono date in formato UNIX timestamp (qui c’è un convertitore se volete cimentarvi), precise al secondo, e dovrebbero rappresentare il momento della vostra ultima visita, quella precedente e la prima registrata. L’ultimo gruppo è un semplice contatore delle visite. Queste informazioni vengono inviate ai server di Google ogni volta che aprite una pagina con il codice di monitoraggio, e servono a calcolare, tra le altre cose, la recency del visitatore e il tempo trascorso dall’ultima visita. __utmb, è un cookie di sessione che esiste SOLO mentre una visita, o meglio una sessione, è in atto. Contiene il timestamp del momento in cui siete entrati nel sito. __utmc viaggia di pari passo ma scade quando fisicamente chiudete il browser. Attraverso questi due cookie Analytics è in grado di calcolare, ad esempio, il tempo medio di permanenza sulle pagine.
  • __utmc
  • __utmb
  • __utmt
  • __utma

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi