Cemento e betoniere: come può aiutarti un impianto di lubrificazione
810
page-template-default,page,page-id-810,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-theme-ver-16.2.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Cemento

Anche nella lavorazione del cemento un buon impianto di lubrificazione può fare la differenza!

 

Che si tratti di betoniere o di ruspe, e di sicuro in qualsiasi settore, una manutenzione adeguata è sinonimo di risparmio e benefici; a livello economico, di sicurezza e di funzionalità.

 

Se questa è una regola d’oro per chiunque possieda macchinari e impianti industriali,  diventa ancora più importante in un settore in cui i tempi di lavoro sono lunghi e in cui la macchina è sottoposta a ritmi stressanti.

 

Non solo, spesso si tratta di macchinari complessi con delle parti decisamente delicate e facili all’usura.

 

Ad esempio, le betoniere, essenziali per la lavorazione del cemento, sono spesso sottoposte a una potenza elevata e a soffrirne sono quasi sempre l’ingranaggio esterno e quello cilindrico principale.

 

Oltre all’usura, poi, bisogna tenere in conto che spesso nelle betoniere rimangono residui di polvere di cemento, che solitamente restano attaccati all’ingranaggio incrostandolo e creando ulteriori problemi.

 

Lubrificazione nella produzione di cemento per mantenere alta l’efficienza

 

Quando questo succede il macchinario perde efficienza, si rallenta ad esempio, e molto spesso si rompe, richiedendo lunghi tempi di fermo macchina per la riparazione, se non addirittura di essere cambiato.

 

Questo e tanti altri problemi, sono risolvibili grazie alla scelta di installare un impianto di lubrificazione automatica che garantisca un’azione continua e completa di ingrassaggio nei punti che lo richiedono.

 

In questo caso per esempio, se l’ingranaggio cilindrico centrale è ben lubrificato non solo si ridurrà l’attrito ma si ridurranno anche i residui di polvere di cemento che rimangono nel macchinario e che alla lunga creano problemi.

 

I nostri impianti di ingrassaggio automatici sono ideali per i macchinari destinati alla lavorazione del cemento, in quanto sono studiati per le precise esigenze di ogni macchina o impianto industriale.

 

Ogni elemento, lubrificante compreso, va scelto in base a diversi criteri tra cui il macchinario a cui è applicato ma anche la stagione corrente. Possiamo guidarti nelle scelte più adatte a te e al tuo business per condurti verso tantissimi vantaggi.

 

Risparmia:

  • Tempo: l’ingrassatura continua e uniforme è applicata dall’impianto mentre il macchinario è in lavorazione evitando fermi macchina.
  • Prodotto: con un impianto automatizzato per la lubrificazione si risparmia in molti sensi, ad esempio il lubrificante viene applicato in modo omogeneo ed in piccole dosi ma in modo continuativo, così facendo si riducono gli sprechi e il macchinario lavora meglio grazie alla lubrificazione continua.
  • Soldi: una buona ingrassatura previene i guasti della macchina e la rende più produttiva.

 

Scopri i nostri impianti e tutti i loro vantaggi!

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


il primo cookie che viene scritto è __utma, ed è un cookie persistente con una scadenza di due anni esatti dal momento in cui viene scritto. Il contenuto è un hash numerico nella forma di 6 gruppi di numeri separati da punti; i primi 2 di lunghezza variabile, gli altri 3 di solito di 10 cifre e l’ultimo variabile. Il primo gruppo di cifre è un hash univoco del dominio in cui è stato eseguito lo script di GA, il secondo è un numero casuale, il terzo, il quarto e il quinto gruppo sono date in formato UNIX timestamp (qui c’è un convertitore se volete cimentarvi), precise al secondo, e dovrebbero rappresentare il momento della vostra ultima visita, quella precedente e la prima registrata. L’ultimo gruppo è un semplice contatore delle visite. Queste informazioni vengono inviate ai server di Google ogni volta che aprite una pagina con il codice di monitoraggio, e servono a calcolare, tra le altre cose, la recency del visitatore e il tempo trascorso dall’ultima visita. __utmb, è un cookie di sessione che esiste SOLO mentre una visita, o meglio una sessione, è in atto. Contiene il timestamp del momento in cui siete entrati nel sito. __utmc viaggia di pari passo ma scade quando fisicamente chiudete il browser. Attraverso questi due cookie Analytics è in grado di calcolare, ad esempio, il tempo medio di permanenza sulle pagine.
  • __utmc
  • __utmb
  • __utmt
  • __utma

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi