Material handling: risparmiare con un sistema di ingrassaggio automatico
815
page-template-default,page,page-id-815,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-theme-ver-16.2.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Material Handling

Ti occupi o utilizzi macchinari per il material handling? Anche in questo caso un buon sistema di ingrassaggio automatico può garantirti migliori prestazioni e un cospicuo risparmio!

 

La movimentazione e lo stoccaggio dei materiali è diventato negli ultimi tempi uno dei processi più importanti di qualsiasi business.

 

Material handling: come risparmiare con un sistema di ingrassaggio automatico

 

Dopo la produzione, infatti, il material handling è uno degli ambiti a cui bisogna prestare più attenzione in qualità di importanza e manutenzione dei macchinari. Che sia inserito in una catena produttiva, come ad esempio accade nell’industria food & beverage, o che sia utile per catalogare e smistare le merci prodotte poco importa, si tratta di un ambito estremamente delicato.

 

I macchinari con il compito di aiutare nello spostamento delle merci sono molti, dai nastri trasportatori ai gruppi di rotazione e manipolazione del prodotto; e molto spesso si trovano a subire ritmi di lavoro continui e stressanti. Inoltre, il material handling è applicato in settori totalmente diversi l’uno dall’altro: dall’ambito manifatturiero al settore della distribuzione, fino a campi in cui il carico da trasportare è decisamente più pesante, come il campo minerario, le fonderie e gli ambienti portuali.

 

È facile capire quindi che se un rullo trasportatore si inceppasse, ad esempio, causerebbe enormi danni e inconvenienti alla catena produttiva e lavorativa. Un fermo macchina non solo significherebbe una importante perdita di tempo, ma anche la necessità di sopperire al lavoro del macchinario tramite il lavoro manuale.

 

La manutenzione dei sistemi di material handling è cruciale, ecco perché abbiamo sviluppato dei sistemi di ingrassaggio automatico pensati apposta per questo settore.

 

Una lubrificazione automatica e continua significa non solo la rimozione degli attriti, ma anche la protezione degli ingranaggi e dei componenti delle macchine per il material handling, favorendo prestazioni senza intoppi nonostante i lunghi tempi di attività.

 

I macchinari inoltre ci guadagneranno in longevità, permettendo di essere utilizzati più a lungo prevenendo eventuali guasti o rallentamenti.

 

Trattandosi di macchinari complessi molto spesso non è possibile raggiungere gli spot da lubrificare tramite intervento manuale di un operatore, oppure risulta abbastanza pericoloso, per questo l’automatizzazione dell’ingrassatura è l’ideale per i sistemi di material handling.

 

Dulcis in fundo, grazie ai nostri impianti riuscirai a risparmiare su tantissimi fronti. Primo tra tutti il prodotto lubrificante, che viene erogato in maniera continua e in dosi estremamente precise in modo da evitare sprechi di prodotto e quindi di soldi.

 

I tuoi sistemi di material handling non richiederanno fermo macchina per la lubrificazione, e potranno quindi lavorare meglio e di più!

material handling

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


il primo cookie che viene scritto è __utma, ed è un cookie persistente con una scadenza di due anni esatti dal momento in cui viene scritto. Il contenuto è un hash numerico nella forma di 6 gruppi di numeri separati da punti; i primi 2 di lunghezza variabile, gli altri 3 di solito di 10 cifre e l’ultimo variabile. Il primo gruppo di cifre è un hash univoco del dominio in cui è stato eseguito lo script di GA, il secondo è un numero casuale, il terzo, il quarto e il quinto gruppo sono date in formato UNIX timestamp (qui c’è un convertitore se volete cimentarvi), precise al secondo, e dovrebbero rappresentare il momento della vostra ultima visita, quella precedente e la prima registrata. L’ultimo gruppo è un semplice contatore delle visite. Queste informazioni vengono inviate ai server di Google ogni volta che aprite una pagina con il codice di monitoraggio, e servono a calcolare, tra le altre cose, la recency del visitatore e il tempo trascorso dall’ultima visita. __utmb, è un cookie di sessione che esiste SOLO mentre una visita, o meglio una sessione, è in atto. Contiene il timestamp del momento in cui siete entrati nel sito. __utmc viaggia di pari passo ma scade quando fisicamente chiudete il browser. Attraverso questi due cookie Analytics è in grado di calcolare, ad esempio, il tempo medio di permanenza sulle pagine.
  • __utmc
  • __utmb
  • __utmt
  • __utma

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi