Navale e lubrificazione: maggiori prestazioni in sicurezza
821
page-template-default,page,page-id-821,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-theme-ver-16.2.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Navale

Il settore navale è uno degli ambiti in costante sviluppo, e che giorno dopo giorno offre nuove possibilità e opportunità di mercato.

 

Seppure sia estremamente settoriale e perlopiù sconosciuto ai non esperti in materia, è un settore estremamente presente nell’economia nazionale.

 

Se lavori in questo settore saprai di certo quanto gli impianti impiegati necessitino di una buona manutenzione; ma sapevi che la lubrificazione automatica può aiutarti ad alzare gli standard di produzione e di sicurezza?

Che si tratti di impianti, funi, o motori, anche nel settore dell’industria navale la lubrificazione dei componenti è un punto focale.

 

Svolge un ruolo fondamentale in materia di ottimizzazione e di sicurezza, aiutando a rendere gli impianti più efficienti e sicuri. Anche in ambito navale, infatti, si ha a che fare con sistemi meccanici per i quali la manutenzione è essenziale, e una lubrificazione automatica può garantire tantissimi vantaggi.

 

Anche in questo caso, abbiamo a che fare con un ambiente “estremo” e quindi con la presenza di tanti agenti contaminanti, come acqua salmastra, granelli di roccia e polvere, che possono insediarsi nei motori e nei componenti meccanici andando a minare l’operatività dell’impianto navale.

 

Navale e lubrificazione: maggiori prestazioni in sicurezza

 

Una buona lubrificazione può essere una soluzione in quanto riduce gli attriti, o addirittura li elimina, lasciando dietro di sé una pellicola protettiva che previene l’usura dei componenti e li ripara dagli agenti contaminanti.

 

I nostri sistemi lubrificanti, specifici per il settore navale, contribuiscono a proteggere in maniera eccellente dalla corrosione e dall’umidità contrastando l’usura e il degrado dei componenti.

 

Si tratta inoltre di composti idrorepellenti e altamente resistenti che procurano una protezione adeguata e una lubrificazione durevole nel tempo.

 

Nel settore navale i componenti mobili a rischio si trovano in motori, gru da ponte, attrezzature ausiliarie ecc. e necessitano di una particolare manutenzione se si vuole assicurare la longevità degli impianti, già provati dalle condizioni in cui operano.

 

Il nostro obbiettivo è fornire, grazie ai nostri sistemi di lubrificazione automatica, efficienza e sicurezza per gli operatori, con un occhio di riguardo per la sicurezza.

 

Puntiamo quindi a un tasso di tossicità bassissimo, rispettoso per l’ambiente e per chi ci viene a contatto, con l’automatizzazione che garantisce la facilità d’uso e l’esclusione di interventi pericolosi da parte degli operatori.

 

Soprattutto quando si tratta del settore navale, infatti, i punti di applicazione del lubrificante sono spesso difficili da raggiungere, con rischio di scivolamento e caduta in caso di intervento umano; proprio per questo l’utilizzo dei sistemi automatici di ingrassaggio è sempre più diffuso.

 

Scopri i sistemi di lubrificazione automatica per il settore navale!

navale

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


il primo cookie che viene scritto è __utma, ed è un cookie persistente con una scadenza di due anni esatti dal momento in cui viene scritto. Il contenuto è un hash numerico nella forma di 6 gruppi di numeri separati da punti; i primi 2 di lunghezza variabile, gli altri 3 di solito di 10 cifre e l’ultimo variabile. Il primo gruppo di cifre è un hash univoco del dominio in cui è stato eseguito lo script di GA, il secondo è un numero casuale, il terzo, il quarto e il quinto gruppo sono date in formato UNIX timestamp (qui c’è un convertitore se volete cimentarvi), precise al secondo, e dovrebbero rappresentare il momento della vostra ultima visita, quella precedente e la prima registrata. L’ultimo gruppo è un semplice contatore delle visite. Queste informazioni vengono inviate ai server di Google ogni volta che aprite una pagina con il codice di monitoraggio, e servono a calcolare, tra le altre cose, la recency del visitatore e il tempo trascorso dall’ultima visita. __utmb, è un cookie di sessione che esiste SOLO mentre una visita, o meglio una sessione, è in atto. Contiene il timestamp del momento in cui siete entrati nel sito. __utmc viaggia di pari passo ma scade quando fisicamente chiudete il browser. Attraverso questi due cookie Analytics è in grado di calcolare, ad esempio, il tempo medio di permanenza sulle pagine.
  • __utmc
  • __utmb
  • __utmt
  • __utma

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi