Rail: la vera sfida nel settore della lubrificazione automatica
819
page-template-default,page,page-id-819,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-theme-ver-16.2.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Rail

Tra tutti i settori in cui un impianto di lubrificazione automatica può fare la differenza, il rail rappresenta una vera e propria sfida in diversi termini.

 

Che si tratti di impianti ferroviari o metropolitani, il sistema di lubrificazione automatica trova nel settore rail esigenze difficili da soddisfare e soprattutto che necessitano di qualche accortezza in più.

 

Ridurre gli attriti in questo caso è una vera e propria necessità, sia a livello tecnico che di rumorosità, e un errore può voler dire incidenti anche gravi, in quanto si ha a che fare con mezzi di trasporto ad alta frequentazione.

 

Se la scelta del professionista è sempre molto importante, soprattutto nel settore rail è essenziale rivolgersi a professionisti con una grande esperienza e conoscenza del settore.

 

Le rotaie infatti, cuore del settore rail, seguono percorsi tortuosi, con curve e diverse ramificazioni, e soprattutto in questi frangenti il buon funzionamento della lubrificazione è cruciale. I nostri impianti hanno l’obbiettivo non solo di garantire un’ottima lubrificazione automatica ma soprattutto di assicurare la massima sicurezza per chi li utilizza, operatori e passeggeri.

 

È importante infatti che il sistema funzioni sempre in maniera impeccabile e che sia in grado di resistere a pesi elevati e condizioni climatiche estreme come pioggia, neve, grandine e caldi estivi; imprescindibile trattandosi di sistemi installati perlopiù all’aperto.

Tra gli obbiettivi nel settore rail c’è anche la vivibilità.

 

Rail: la vera sfida nel settore della lubrificazione automatica

 

Le rotaie, infatti, passano in aree disabitate così come in aree urbane e limitare la rumorosità è quindi uno dei compiti più apprezzati dell’ingrassaggio.

 

Una buona lubrificazione infatti può contribuire a diminuire gli stridii prodotti dall’attrito tra ruote e rotaie e, se eliminarli risulta impossibile, è sicuramente fattibile rendere i rumori minimi e sopportabili.

Il nostro impianto di ingrassaggio automatico studiato per il settore rail lavora su due fronti, garantendo così una lubrificazione conforme e sempre operativa.

 

Vengono installati due impianti di lubrificazione automatica: uno a bordo, su ruota, e uno su rotaia. L’erogazione del lubrificante, apposito per l’applicazione nel rail, avviene da entrambi gli impianti così che la ruota possa prelevare il prodotto e trasportarlo fino all’installazione successiva. In questo modo si evita la dispersione del prodotto ingrassante, salvaguardando anche l’ambiente e riducendo l’impatto ecologico, e si garantisce la presenza del prodotto su tutta la tratta, evitando la formazione di punti ciechi.

 

I nostri impianti sono facilmente raggiungibili dagli operatori, che possono raggiungere i punti utili completamente in sicurezza.  

 

Scopri i sistemi di lubrificazione automatica per il settore rail!

rail

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


il primo cookie che viene scritto è __utma, ed è un cookie persistente con una scadenza di due anni esatti dal momento in cui viene scritto. Il contenuto è un hash numerico nella forma di 6 gruppi di numeri separati da punti; i primi 2 di lunghezza variabile, gli altri 3 di solito di 10 cifre e l’ultimo variabile. Il primo gruppo di cifre è un hash univoco del dominio in cui è stato eseguito lo script di GA, il secondo è un numero casuale, il terzo, il quarto e il quinto gruppo sono date in formato UNIX timestamp (qui c’è un convertitore se volete cimentarvi), precise al secondo, e dovrebbero rappresentare il momento della vostra ultima visita, quella precedente e la prima registrata. L’ultimo gruppo è un semplice contatore delle visite. Queste informazioni vengono inviate ai server di Google ogni volta che aprite una pagina con il codice di monitoraggio, e servono a calcolare, tra le altre cose, la recency del visitatore e il tempo trascorso dall’ultima visita. __utmb, è un cookie di sessione che esiste SOLO mentre una visita, o meglio una sessione, è in atto. Contiene il timestamp del momento in cui siete entrati nel sito. __utmc viaggia di pari passo ma scade quando fisicamente chiudete il browser. Attraverso questi due cookie Analytics è in grado di calcolare, ad esempio, il tempo medio di permanenza sulle pagine.
  • __utmc
  • __utmb
  • __utmt
  • __utma

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi