Vetro: la rivoluzione green passa dai nostri impianti di lubrificazione
813
page-template-default,page,page-id-813,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-theme-ver-16.2.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Vetro

Il vetro è un materiale prezioso che affascina l’uomo fin dai tempi antichi, ricercato e fragile, capace di impressionare con la sua eleganza.

 

Dalla comparsa nel primo trattato naturale alle moderne fabbriche che lo producono, il vetro rimane di tendenza e conserva il suo posto nonostante i secoli.

 

Anzi, oggi il vetro è protagonista di una riscoperta sulla scia della tematica ecologica, che lo classifica come una delle sostanze più green, di gran lunga preferibile alla plastica perchè facilmente riciclabile.

 

Molto utilizzato, sempre più richiesto, e le fabbriche si ritrovano a dover aumentare il passo. La produzione aumenta, e le industrie svolgono un ruolo fondamentale in questa rivoluzione ecologica.

 

Ma come è possibile aumentare la produttività dei macchinari per la lavorazione senza fare grandi stravolgimenti?

 

Vetro: la rivoluzione green passa dai nostri impianti di lubrificazione automatica

 

Basta un buon impianto di lubrificazione, che assicuri una manutenzione adeguata e preventiva e riduca al minimo gli sprechi.

 

Come tutti i macchinari, anche quelli destinati alla lavorazione del vetro necessitano di ridurre gli attriti attraverso la lubrificazione.

 

I nostri impianti sono adatti alle specifiche caratteristiche di questa lavorazione, pensati e studiati per garantirti una performance continuativa e adeguata alle tue esigenze. Rispetto ad altri settori, le temperature di lavorazione del vetro sono molto più alte ed è essenziale che il materiale residuo che rimane sul prodotto finale e sul macchinario sia in quantità minime.

 

Inoltre, in questo particolare ambito industriale l’intervallo tra una lubrificazione e l’altra è molto lungo. I nostri impianti tengono conto di tutte queste caratteristiche e vengono impostati per rispettare la giusta tempistica di erogazione.

 

I prodotti lubrificanti sono specifici per il settore della lavorazione del vetro, e vengono erogati dagli ugelli in piccole dosi mentre la macchina è operativa. Si evitano così i fermi macchina e il prodotto è ben distribuito, garantendo un’ottima conservazione delle parti del macchinario.

 

Con un’erogazione continua, infatti, il prodotto lubrificante crea una pellicola di protezione, cosa che invece non accade nel caso di interventi manuali perché sporadici.

 

Grazie alla precisione degli impianti, l’automatizzazione dell’ingrassatura evita sprechi di prodotto, favorendo così un risparmio sulle spese di smaltimento. In linea con l’ideale green che il vetro sta via via incarnando, l’impianto di lubrificazione automatica riduce l’impatto ambientale dei macchinari grazie appunto alla garanzia di evitare sprechi.

 

Oltre alla produzione e alla vita del macchinario, ad aumentare è anche la sicurezza, perché i nostri sistemi di lubrificazione automatica sono facilmente gestibili dagli operatori e non richiedono di raggiungere spot pericolosi.

 

Scopri i nostri sistemi di lubrificazione automatica ed entra nella rivoluzione green!

food & beverage

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


il primo cookie che viene scritto è __utma, ed è un cookie persistente con una scadenza di due anni esatti dal momento in cui viene scritto. Il contenuto è un hash numerico nella forma di 6 gruppi di numeri separati da punti; i primi 2 di lunghezza variabile, gli altri 3 di solito di 10 cifre e l’ultimo variabile. Il primo gruppo di cifre è un hash univoco del dominio in cui è stato eseguito lo script di GA, il secondo è un numero casuale, il terzo, il quarto e il quinto gruppo sono date in formato UNIX timestamp (qui c’è un convertitore se volete cimentarvi), precise al secondo, e dovrebbero rappresentare il momento della vostra ultima visita, quella precedente e la prima registrata. L’ultimo gruppo è un semplice contatore delle visite. Queste informazioni vengono inviate ai server di Google ogni volta che aprite una pagina con il codice di monitoraggio, e servono a calcolare, tra le altre cose, la recency del visitatore e il tempo trascorso dall’ultima visita. __utmb, è un cookie di sessione che esiste SOLO mentre una visita, o meglio una sessione, è in atto. Contiene il timestamp del momento in cui siete entrati nel sito. __utmc viaggia di pari passo ma scade quando fisicamente chiudete il browser. Attraverso questi due cookie Analytics è in grado di calcolare, ad esempio, il tempo medio di permanenza sulle pagine.
  • __utmc
  • __utmb
  • __utmt
  • __utma

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi